flag-itflag-en

Diritto nazionale

Gli aggiornamenti degli schemi accessivi delle concessioni terrestri per l’esercizio del gioco pubblico previsti dalla legge di stabilità

In quest’anno caotico e rivoluzionario per il settore del gioco pubblico dopo l’adeguamento degli schemi di convenzione per le concessioni on line ai dettami previsti dalla legge n. 88/09 (c.d. “Legge comunitaria per il 2008”) non poteva non mancare anche l’adeguamento alle disposizioni e agli obblighi previsti per le società titolari di concessioni di gioco fisico e/o terrestre dalla legge di stabilità n. 220/10.

Verso la stabilizzazione nel settore dei giochi

In un momento piuttosto depresso della vita economica e istituzionale del nostro paese viene approvata la manovra che, a detta di tutti, favorevoli o meno alle sue misure, potrebbe salvarci da una retrocessione, garantendo si spera la stabilità dei conti dello Stato e nei prossimi tre anni il pareggio di bilancio. Nel corpo della manovra non potevano mancare provvedimenti sui giochi pubblici, sia obbligati che innovativi.

Manovra fiscale e giochi: un pacchetto contro l’illegalità

Lotta al gioco minorile come parola d’ordine. Diversi i punti chiave del testo che rivoluzioneranno il settore. Il giallo estivo dei giochi nella manovra, prima apparsi e poi scomparsi,  si è finalmente risolto, ed è partito lo studio, da parte degli addetti ai lavori, delle disposizioni contenute nell’art. 24 della Manovra Finanziaria 2011-2014 fortemente voluta dal Ministro Tremonti.

Azzardo e gioco pubblico

Negli ultimi giorni il settore del gioco pubblico è stato caratterizzato da importanti eventi. In ordine cronologico: martedì 5 u.s. si è tenuta un’altra udienza sul caso black slot a Venezia, un capitolo “nero” dell’intrattenimento, ma proprio in quanto tale meritevole di essere menzionato.

Arriva la comunitaria!

La scorsa settimana è stato pubblicato il Decreto direttoriale n. 2011/190/CGV dell’8 febbraio 2011 (Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 56 del 9 marzo 2011prot. n. 2011/190/CGV dell’8 febbraio 2011), che stabilisce la decorrenza degli obblighi di cui all’articolo 24, commi da 11 a 25, della legge 7 luglio 2009, n. 88, ed indica le condizioni generali di accesso alle nuove concessioni per l’esercizio e la raccolta del gioco a distanza, oltre alla procedura di integrazione della convenzione di concessione per l’esercizio a distanza dei giochi pubblici per coloro che sono già titolari del diritto per la raccolta a distanza del gioco pubblico.

L’Armonizzazione europea della tutela dei consumatori

Il CEN (the “European Committee for Standardization”), l’organizzazione senza scopo di lucro di cui fanno parte 31 stati membri – Italia compresa naturalmente – che si occupa di costruire le basi dell’armonizzazione dei mercati interni all’UE cercando di rimuovere la barriere, in considerazione anche delle esigenze della globalizzazione, ha pubblicato la settimana scorsa  il Cen Workshop Agreement ‘Responsible Remote Gambling Measures (le misure sul gioco a distanza responsabile), volto ad assicurare un elevato livello di tutela dei giocatori online nell’Unione Europea.

Il dilemma del Poker sportivo

I fan dei tornei di poker sportivo sono in attesa di conoscere il proprio destino. E mentre il loro futuro è legato al contenuto della Legge Comunitaria 2008 (legge n. 88/09), il presente appare inesorabilmente vincolato alla recente ordinanza del Consiglio di Stato, sez. VI, pubblicata lo scorso 12 gennaio 2011, che sembra addirittura anticipare i contenuti della legge richiamata.

La conversione della legge "di stabilità"

La scorsa settimana si è chiusa con l’approvazione alla Camera dei Deputati (con 303 voti favorevoli e 250 contrari) del Ddl c.d. di “Stabilità”, nel quale, come è noto, sono compresi alcuni rilevanti provvedimenti sul settore dei giochi. Gli ulteriori emendamenti riguardo il gaming al maxi correttivo governativo sono stati respinti dall’Aula.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza degli utenti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.Maggiori dettagli